FiorenzuolaToday

«A Cadeo sì alla sicurezza ma nel rispetto di leggi e privacy»

Il sindaco Bricconi: «Sappiamo bene tutti che la sicurezza è una delle questioni che ci tocca più da vicino ma dobbiamo ricordarci che come semplici cittadini non siamo gli organi preposti ad occuparci di ordine e sicurezza»

Immagine di repertorio

«Il Comune di Cadeo pone la sicurezza del territorio e dei cittadini tra le priorità assolute, ma nell'osservanza delle leggi e delle direttive della Prefettura».  Così Marco Bricconi, primo cittadino di Cadeo spiega ai cittadini come viene affrontata la questione sicurezza e dentro quali confini si possono muovere i gruppi di Controllo Vicinato e i vari gruppi whatsApp esistenti.

«Filippo Bruschi, in qualità di coordinatore del gruppo Occhi Aperti, aveva chiesto all'amministrazione di Cadeo, in nome della tutela della cittadinanza, di poter avere i  dati riguardanti veicoli rubati  o sospetti rilevati dalle telecamere di lettura targhe ubicate nel nostro territorio;  - spiega l'assessore Massimiliano Dosi -. Per evitare polemiche o gravi errori valutativi ci siamo rivolti alla Prefettura e la risposta è stata la medesima da noi anticipata: i dati relativi al transito di veicoli targati sospetti o segnalati per la commissione di reati non possono essere condivisi con privati cittadini». 

«Riteniamo quindi che la nostra scelta di evitare di diffondere, sui gruppi aperti, informazioni che contengano dei dati sensibili, come targhe di auto sospette o rubate, sia stata coerente e in linea con la normativa - aggiunge l'assessore Dosi - Invitiamo i cittadini a chiamare senza indugi le forze dell’ordine per qualsiasi sospetto, limitandosi a dare sul gruppo di Controllo di vicinato informazioni senza dati sensibili». «Sappiamo bene tutti che la sicurezza è una delle questioni che ci tocca più da vicino ma dobbiamo ricordarci che come semplici cittadini non siamo gli organi preposti ad occuparci di ordine e sicurezza - conclude Bricconi -. Essenziale è osservare e segnalare ma senza calpestare i paletti dettati da legge della privacy e affini. Con i nostri interventi impulsivi possiamo addirittura rovinare il lavoro di carabinieri e polizia, si rischia  addirittura di intralciare e far fallire indagini in corso. Senza dimenticare che una sentenza del TAR Toscana ha confermato che le persone sottoposte ad un qualsiasi controllo a seguito di un esposto hanno diritto di conoscere il contenuto dell’esposto e i nominativi dei cosiddetti informatori». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Soldi e gioielli per scacciare il malocchio: arrestata in centro a Piacenza la "Maga Anita"

  • Politica

    Caorso, Battaglia si ricandida: «Convinta dagli ultimi fatti accaduti e dalla vicinanza dei cittadini»

  • Cronaca

    Botte alla lucciola che non riusciva a pagare il marciapiede, sfruttatore in manette

  • Cronaca

    Preso in auto con 5 chili di hascisc, piacentino condannato a più di due anni

I più letti della settimana

  • Blitz nei campi nomadi all'alba, decine di arresti

  • Tir si ribalta e prende fuoco in A21, autostrada chiusa

  • «Russomando era tra chi contestava l’iniziativa contro l'erba della morte»

  • "Decolla" sullo spartitraffico e poi si schianta contro quattro auto in sosta, traffico in tilt

  • Schianto all'incrocio, auto si ribalta. Una donna all'ospedale

  • Spaccata all'ottica Salmoiraghi&Viganò, nel bottino quasi 100mila euro di occhiali

Torna su
IlPiacenza è in caricamento