FiorenzuolaToday

Caorso, un nuovo impianto di sollevamento nel Chiavenna

I finanziamenti saranno destinati al Consorzio di Bonifica di Piacenza per un nuovo impianto di sollevamento in località Ronchi di Caorso, nel torrente Chiavenna, per uso plurimo delle acque ai fini irrigui ed ambientali

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti premia nuovamente l’attività di progettazione del Consorzio di Bonifica di Piacenza con il finanziamento di Ronchi, impianto di sollevamento delle acque a fini irrigui e ambientali. Ad annunciarlo è Fausto Zermani, Presidente del Consorzio: “Un plauso ai tecnici dell’Ente per l’operato e un ringraziamento alle istituzioni che, grazie a sinergie forti tra amministrazioni centrali e Autorità di distretto, hanno investito sul nostro territorio con un’infrastruttura, Ronchi, che persegue la finalità di efficientamento della gestione e distribuzione della risorsa idrica da un lato e dall’altro garantisce il ricircolo del torrente Chiavenna per esigenze ambientali”. A licenziare il progetto è il Governo tramite il Piano Straordinario Infrastrutture Idriche riguardante opere per invasi multiobiettivo e per il risparmio di acqua negli usi agricoli e civili (Legge finanziaria 2017 art. 1, comma 523, Piano Straordinario Invasi, e comma 1072, Fondo investimenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Il progetto, del valore di 7 milioni di euro, ha l’obiettivo di razionalizzare ed efficientare il sistema irriguo della Val d’Arda - nella sua parte più depressa - mediante il mantenimento dell’impianto di sollevamento di San Nazzaro in Comune di Monticelli d’Ongina (costruito negli anni 50 e tutt’ora in esercizio) integrato ad un nuovo impianto posto a monte di quello esistente (e posizionato in località Ronchi). I due impianti potranno derivare un massimo di 5 metri cubi al secondo con la facoltà di sollevare portate modulabili, rispondendo così sia all’esigenza di flessibilità gestionale nei periodi di massima domanda dell’irrigazione sia alle esigenze ambientali di Caorso. Per questo secondo aspetto (i due impianti) potranno sollevare meccanicamente le acque del Torrente Chiavenna anche nei periodi non irrigui e immetterle nel reticolo artificiale di bonifica restituendole a Po a valle dello sbarramento; si tornerà così a dare ossigeno alle acque creando un corretto equilibrio ambientale e ravvivando l’abitato di Caorso. Conclude Fausto Zermani: “Questo nuovo finanziamento ci permette di investire sul territorio, contribuendo alla crescita del settore agroalimentare della vallata e migliorando il bel paese che ci emoziona ogni giorno”.

Potrebbe interessarti

  • Ricette piacentine: i pisarei e fasò

  • Perino e la curiosa storia della località "Due Bandiere"

  • Drink insoliti: che cos’è il bubble tea?

  • Piscine interrate: i costi e i tempi per averne una nel proprio giardino

I più letti della settimana

  • Gianpaolo Bertuzzi muore nel suo camper in fiamme

  • La Polizia Stradale fa un controllo sull’A21 Piacenza-Cremona e spunta David Hasselhoff

  • Invade la corsia opposta, si schianta contro due auto e rimane incastrato: è gravissimo

  • Prende a martellate la moglie, poi si accoltella al cuore: muore ex macellaio di Piacenza

  • Autopsia e test del Dna, indagini sulla morte di Gianpaolo Bertuzzi

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nel campo, è gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento