FiorenzuolaToday

Ex Mercatone Uno, in Giunta la variante al Psc per favorire l'ingresso di un nuovo marchio

Il marchio della catena di distribuzione che si insedierà nella struttura è di proprietà del Gruppo Selex. La struttura potrà contare su una superficie di vendita pari a 3mila e cinquecento metri quadri

L'area dell'ex Mercatone Uno

La Giunta del Comune di Fiorenzuola muove i primi passi per favorire l’insediamento di una catena di grande distribuzione all’interno dell’ex Mercatone Uno, ormai chiuso dal 2015 così come anche altri punti vendita in tutta Italia della catena Emiliano-Romagnola. L’Amministrazione comunale nei giorni scorsi ha approvato in Giunta la proposta di variante al Piano Strutturale Comunale (PSC), finalizzata al recupero e alla riqualificazione dell’area dove si trovava il Mercatone Uno. La struttura, oggi di proprietà della Palatino srl e sorta sulla via Emilia intorno agli anni ottanta, conta – secondo gli atti presenti in Municipio – di una superficie di vendita pari a 4.015 metri quadri che con la variante al PSC verranno ridotti a 3mila e cinquecento. Di questi 2mila e ottocento metri quadri saranno dedicati alla vendita di prodotti alimentari, mentre i restanti 700 alla merce extra-alimentare.

Il marchio della catena di distribuzione che si insedierà nella struttura è di proprietà del Gruppo Selex. Secondo le linee di indirizzo della Giunta, riportate in delibera, «l'attività rappresenta un'alternativa rispetto alle altre strutture della grande distribuzione organizzata cui attualmente i residenti di Fiorenzuola si rivolgono, anche grazie al buon sistema viabilistico posto in prossimità dell'area di intervento. Il bacino d'utenza del punto vendita sarà quindi rappresentato dai residenti di Fiorenzuola e da quelli dei Comuni limitrofi, e soprattutto da coloro che già ora utilizzano lo snodo viabilistico di via Piemonte per i loro spostamenti quotidiani. L’offerta alternativa, sulla quale il nuovo punto vendita andrà ad esprimere il suo impatto, è rappresentata dai principali ipermercati e superstore di Piacenza ed in seconda battuta di Fidenza e Parma, ai quali tradizionalmente i consumatori di Fiorenzuola d'Arda e dei Comuni limitrofi si rivolgono per i loro acquisti meno frequenti ed importo più elevato. Si tratta di esercizi di grandi o grandissime dimensioni, frequentati non solo dai consumatori di Piacenza Città ma anche da tutti quelli dell'hinterland e della Provincia».

Con l’apertura del nuovo punto vendita sembra siano previste tra le cinquanta e settanta assunzioni, «un complesso di lavoratori di molto superiore, circa 5 volte, a quella del precedente negozio presente» - si legge sempre nel documento. E ancora: «Questo incremento occupazionale permetterà in ogni caso di riassorbire eventuali dismissioni di attività commerciali, legate alle dinamiche fisiologiche delle attività commerciali, che nell'ultimo quinquennio diminuiscono costantemente in quanto oltre all'interruzione del ricambio generazionale, per cui all'interno del nucleo famigliare non ci sono soggetti interessati a proseguire l'attività, vi è stata una riduzione della nuova imprenditorialità legata all'ingresso sul mercato di imprenditori stranieri».

L’iter che porterà all’apertura del punto vendita è ancora lungo e vedrà al lavoro, oltre al Comune di Fiorenzuola, altri enti tra i quali la Provincia di Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Travolti da un'auto dopo un incidente: tre feriti, uno è un carabiniere

Torna su
IlPiacenza è in caricamento