FiorenzuolaToday

Furti nel magazzino Sda, tre arresti in pochi mesi. Cellulari e gioielli nel mirino

Cellulari e gioielli nel mirino di alcuni magazzinieri che sono stati arrestati negli ultimi mesi all'Sda di Monticelli. Si tratta di tre uomini, un siciliano, un calabrese e un piaentino che lavorano per una cooperativa

foto web

Cellulari e gioielli nel mirino di alcuni magazzinieri che sono stati arrestati negli ultimi mesi all'Sda di Monticelli. Si tratta di tre uomini, un siciliano, un calabrese e un piaentino che lavorano per una cooperativa. La direzione dell'azienda di spedizioni dopo diversi ammanchi, fanno sapere i carabinieri, ha deciso di rafforzare i controlli inuscita e in entrata degli operai con una vigilanza privata che nella tarda serata del 19 giugno ha dato ancora una volta i suoi frutti. 

Un 36enne calabrese è stato bloccato dalle guardie all'uscita del turno di lavoro: il metal detector aveva segnalato la presenza nella giacca di un oggetto. Come prevede il protocollo la sicurezza ha chiamato il 112 e in pochi secondi i carabinieri di Monticelli erano sul posto. Hanno perquisito l'uomo e gli hanno trovato addosso un pacco con all'interno gioielli Swarovski per un valore di 300 euro. I militari nella sua abitazione a Castelverde (Cremona) hanno trovato un cellulare Samsung S8, del valore di circa mille euro. Il 36enne non ha saputo dire dove lo avesse preso né ha fornito spiegazioni convicenti. E' stato denunciato per ricettazione e arrestato per furto aggravato. E' comparso nella mattinata del 30 giugno in tribunale per la direttissima davanti al giudice Italo Ghitti e al pm Antonio Rubino. Il suo legale ha chiesto i termini a difesa, l'arresto è stato convalidato e il processo rinviato: il giudice, visto che l'uomo aveva già una condanna per evasione, ha deciso per la misura di custodia cautelare in carcere in attesa del processo.  Il 21 giugno un 48enne piacentino, sempre in forze alla cooperativa che lavora per Sda, era stato arrestato per furto. Era uscito dall'azienda zoppicando, era stato controllato e in una scarpa aveva nascosto un cellulare Samsung S8. Il 29 marzo invece un siciliano di 28 anni era finito nei guai sempre per furto: aveva rubato all'interno dell hub di San Nazzaro un cellulare Huawei del valore di circa 300 euro. 



 

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Legge 104: chi può richiederla e come fare domanda

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

  • Guida ai detersivi alla spina: perché comprarli e dove

I più letti della settimana

  • Schianto fra Tir in A21, gravissimo un uomo. Autostrada chiusa e 12 chilometri di coda

  • 'Ndrangheta: arrestato il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Caruso

  • Caruso alla cena della 'ndrangheta: «Ogni uomo ha un prezzo»

  • Trovato alla guida ubriaco fradicio alle 10 di mattina, denunciato 

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard-rail, 24enne all'ospedale

  • Scivola mentre raccoglie fiori e fa un volo di quattro metri nel torrente, è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento