FiorenzuolaToday

Gli promette un posto nel calcio svizzero, ma è una truffa

Processo a un 38enne dell’Aquila che si è fatto consegnare 500 euro da un giovane della Valdarda al quale aveva detto di potergli far fare un provino per il club elvetico

Gli aveva promesso un provino nella squadra del Football club Mendrisio, ma per farlo avrebbe dovuto partecipare alle spese della trasferta in Svizzera. Il giovane ci aveva creduto e aveva effettuato il pagamento, salvo poi non riuscire più a contattare il presunto talent scout e scoprire che si era trattato di una truffa. E’ vicino alla conclusione il processo ai danni di un 38enne abruzzese della provincia dell’Aquila, difeso dall’avvocato Fabio Leggi. La vittima è un 25enne italiano, di origine marocchina, residente in Valdarda che sperava di approdare nel calcio elvetico di seconda lega interregionale, dove milita il Mendrisio (Canton Ticino). I fatti si sono svolti nel 2015. Il 16 ottobre, davanti al giudice Gianandrea Bussi, pm Monica Bubba, ha testimoniato un maresciallo dei carabinieri di Fiorenzuola che ha svolto le indagini. I militari hanno identificato l’uomo attraverso la carta Poste pay su cui erano stati versati 500 euro, nella sua abitazione hanno anche rinvenuto il telefono cellulare da cui erano partite le telefonate al piacentino. Nella prossima udienza sarà ascoltato un altro carabiniere e poi il giudice emetterà la sentenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento