FiorenzuolaToday

«In piazzetta San Francesco alberi ancora "giovani"». E Italia Nostra lancia la raccolta firme

La sezione di Fiorenzuola si schiera contro l'annunciato abbattimento in vista dei lavori di riqualificazione della via. «La salute degli alberi compromessa da potature inadeguate»

Una veduta delle piante in via Liberazione (foto Trespidi)

In vista dell’annunciata rimozione delle piante da piazzetta San Francesco, presto oggetto di lavori di riqualificazione, la sezione di Fiorenzuola di Italia Nostra ha lanciato una raccolta firme per chiedere alla Giunta «soluzioni volte alla conservazione degli alberi presenti». Soluzioni che, come è stato spiegato, sono state prese in considerazione ma rivelate impercorribili. «Non ci sono problemi di stabilità né le piante hanno raggiunto il periodo di fine ciclo: hanno sì e no venticinque anni» - spiega il presidente di Italia Nostra, Luigi Ragazzi. «Se a Fiorenzuola si procede in questo modo non si avrà mai un verde consolidato. Ad oggi mancano duecento piante, tagliare per diverse regioni ma quasi mai sostituite». «Insieme ai cittadini – conclude Ragzzi, primo firmatario della petizione - chiederemo che si passi dal taglio alla ripiantumazione e alla cura degli alberi: la loro salute viene compromessa da una manutenzione non accurata, le potature non avvengono in maniera corretta».

Potrebbe interessarti

  • Le proprietà benefiche dove non te le aspetti: il gin tonic

  • «Pendolari "sequestrati" sul nuovo treno Rock»

  • Animali domestici, norme da rispettare e diritti e doveri dei proprietari

  • L'aceto e i suoi utilizzi meno noti

I più letti della settimana

  • Via Mazzini, muore neonato di tre mesi

  • Muore schiacciato dal furgone che si ribalta

  • Travolta da un treno nella notte, muore a 25 anni

  • E' un giardiniere 48enne di San Giorgio l'uomo morto schiacciato dal suo furgone

  • Auto si ribalta nel canale dopo il frontale con un furgone: tre feriti, uno grave

  • Si dà alla fuga dopo lo schianto, rintracciato dai carabinieri: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento