FiorenzuolaToday

«Occorre pulire dai detriti i pilastri del ponte che porta all'isola Serafini»

Interrogazione in Regione di Callori e Tagliaferri, che chiedono anche di ripulire il Nure e il Tidone

Pulire il Nure e il Tidone nel periodo di secca e le zone in prossimità dei piloni del ponte che porta all'isola Serafini. A chiederlo sono i consiglieri regionali di Fratelli d'Italia Fabio Callori, Giancarlo Tagliaferri, che in un'interrogazione mettono in evidenza come le recenti violente perturbazioni, con forti venti e trombe d'aria, «abbiano accumulato detriti di vario genere fra i pilastri del ponte, già in parte deteriorati, costituendo così un pericolo sia nei periodi di piena sia per la navigazione fluviale». L'Isola Serafini è un'isola fluviale, la maggiore del fiume Po, nel territorio del comune di Monticelli d'Ongina in provincia di Piacenza ed è collegata alla terraferma da un ponte sulla sponda emiliana che la mette in comunicazione con Monticelli, distante 3,5 chilometri. Per questo gli esponenti di Fdi chiedono alla Giunta se «non giudichi necessario attivarsi, tramite l'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po e l'Aipo (Agenzia interregionale del fiume Po) per chiedere la pulizia degli affluenti Nure e Tidone nel periodo di secca e in prossimità dei piloni del ponte di collegamento con la sponda emiliana».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Cade e batte la testa su una lamiera, grave una donna

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

  • Lo abbraccia e lo rapina del Rolex da 30mila euro

Torna su
IlPiacenza è in caricamento