FiorenzuolaToday

Grazie al Rotary Fiorenzuola in dono attrezzature per i cani da ricerca che salvano vite umane

il presidente Redaelli: «Il Rotary ha creduto molto in questa iniziativa, in quanto tutti siamo consapevoli dell'importante ed utilissima attività che sta svolgendo il gruppo cinofilo La Lupa a servizio di tutta la cittadinanza per i vari soccorsi»

L'attività di addestramento alla ricerca di persone scomparse

L’ultimo “service” (ovvero iniziativa benefica) dell’annata rotariana 2018/2019 del Rotary club Fiorenzuola è andato a favore dell'associazione Gruppo Cinofilo La Lupa di Piacenza, organizzazione che opera con i suoi volontari (le donne sono in netta prevalenza) principalmente nel campo della protezione civile ed è specializzata nella ricerca di persone disperse in superficie o travolte da macerie, con l’ausilio di logisti e unità cinofile, meravigliosi e straordinari “amici a quattro zampe” che dopo un periodo di addestramento, aiutano le loro proprietarie in questa fondamentale azione di solidarietà civile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica mattina alcuni soci del Rotary Club Fiorenzuola d'Arda, insieme ai giovani del Rotarct (con il presidente Alessandro Banin), presenti il presidente Marcello Redaelli, il past-president Rinaldo Onesti, il presidente eletto Francesco Timpano e gli esponenti del consiglio direttivo Stefano Pavesi e Fabio Tavazzani, hanno consegnato al presidente del Gruppo Cinofilo La Lupa Gabriele Morni ed un folto gruppo di volontarie e volontari, attrezzi per l'arredamento di un nuovo mezzo di trasporto cani da salvataggio in caso di calamità naturali. Comode gabbie ubicate all’interno di un pulmino nel quale vengono collocati i cani per raggiungere i luoghi dove è necessaria una tempestiva loro opera di ricerca di persone disperse (in boschi o sotto macerie). Prima di questa donazione i cani raggiungevano le località a bordo delle auto dei volontari quando venivano allertati. 
Il gruppo di volontariato fondato nel 2005, con una propria area di addestramento in via 24 maggio a Piacenza, fa parte del coordinamento dei colontari della Protezione civile di Piacenza, dell’Associazione nazionale Unità Cinofile Italiane da Soccorso (Ucis) e collabora con tutti gli enti e professionisti del settore. Attivo pure un gruppo sportivo che organizza e partecipa a gare in diverse discipline, privilegiando quelle di ricerca e di obedience.
«Il Rotary - ha commentato il presidente Redaelli - ha creduto molto in questa iniziativa, in quanto tutti siamo consapevoli dell'importante ed utilissima attività che sta svolgendo il gruppo cinofilo La Lupa a servizio di tutta la cittadinanza per i vari soccorsi».
Il presidente Morni ha ringraziato per il prezioso contributo quindi, prima di un sobrio rinfresco, sono stati mostrati, con i cani, alcuni esempi dell’attività svolta dal gruppo, come l’obbedienza o la ricerca di una persona. Inutile dire che questi straordinari amici dell’uomo hanno dato prova di straordinaria abilità sostenuta da un affetto totale nei confronti dei loro proprietari, una sinergia uomo-cane che conferma ancora una volta di più la loro totale dedizione. Alla base di tutto l’addestramento, c’è il gioco ed una forte empatia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento