FiorenzuolaToday

Una nuova rotatoria e un negozio alimentare tra le vie Verani e Kennedy. «Nessuna strategia di sviluppo»

Criticata dalla minoranza la variante adottata in Consiglio comunale. Brauner: «Nessuna obiezione dai privati. Solo gli enti amministrativi hanno sottolineato la vicina presenza di impianti produttivi»

L'area interessata

Una nuova rotatoria per regolare il traffico tra via Verani e via Scapuzzi e una medio piccola struttura di circa 700 metri quadri di vendita alimentare. Sono le opere che la società Edilmaster realizzerà per poter procedere ad edificare un’area di proprietà del Comune che si affaccia tra le vie Verani e Kennedy: qui troveranno spazio immobili residenziali e, appunto, commerciali. A prevederlo è un accordo che la società con sede a Fiorenzuola aveva stipulato lo scorso settembre con il Comune. «Da nessun soggetto privato sono arrivate obiezioni, dal primo passaggio in Consiglio ad oggi, in merito agli interventi predisposti in questa zona. Solo gli enti che hanno seguito il procedimento amministrativo hanno sottolineato la vicina presenza di impianti produttivi (il deposito Eni nda)» - ha spiegato l’assessore Franco Brauner illustrando la delibera bocciata da tutta la minoranza.

«La scelta di favorire una nuova struttura di vendita – è intervenuto il consigliere di minoranza Nando Mainardi (Sinistra per Fiorenzuola) è eccessiva considerando che a poche decine di metri si trova il centro commerciale “Cappuccini”. Tra l’altro la maggioranza della commissione che ha visionato il progetto si è astenuta». Perplessità sono giunte anche dal consigliere Giuseppe Brusamonti (Pd): «Si vede la volontà di consentire insediamenti commerciali al di fuori di ogni programmazione. Si rischia di creare situazioni di disequilibrio tra realtà esistenti in un sistema commerciale. Non vediamo in quale strategia di sviluppo sia stata inserita la variante». Ha voluto chiarire l’assessore Massimiliano Morganti: «Per quanto riguarda le opere di urbanizzazione secondaria occorrerà procedere con istruttorie che al momento non ci consentono di dire cosa concretamente verrà realizzato». «C’è la scelta da parte dell’Amministrazione di non dire nulla, non c’è nessuna ragione per non confrontarsi – ha ribattuto Mainardi. È una scelta, la vostra, che non risponde alle linee di programmazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

Torna su
IlPiacenza è in caricamento