FiorenzuolaToday

«Vigili del fuoco, vi vogliamo bene». Amministrazione e associazioni ricordano i pompieri morti ad Alessandria

L'Amministrazione comunale di Fiorenzuola e le associazioni militari e combattentistiche hanno reso omaggio con fiori e un minuto di silenzio, davanti alla caserma di via Verani, ai vigili del fuoco morti in un'esplosione ad Alessandria

Amministrazione comunale e associazioni incontrano i vigili del fuoco di Fiorenzuola (foto Leonardo Trespidi)

All'indomani del loro funerale, anche Fiorenzuola ha voluto ricordare Antonino Candido, Marco Triches e Matteo Gastaldo, i tre vigili del fuoco morti nell’esplosione dolosa di un cascinale nell’alessandrino nella notte tra lunedì e martedì 5 novembre. L’Amministrazione comunale con il sindaco Romeo Gandolfi, gli assessori Franco Brauner e Marcello Minari, il presidente del Consiglio Andrea Pezzani, ha reso loro omaggio con un minuto di silenzio (già osservato anche la sera prima in apertura dei lavori in Consiglio comunale) davanti alla caserma di Fiorenzuola dove erano schierati i mezzi di servizio con i lampeggianti accesi. Hanno voluto “lasciare un segno” con un mazzo di fiori consegnato da Pezzani al caposquadra di turno Paolo Marchini presente con i suoi uomini ad accogliere anche polizia Localele associazioni militari e combattentistiche del paese: l’Associazione nazionale carabinieri, anche loro con un omaggio floreale, gli Alpini, i Bersaglieri, Aeronautica, Anpi e Protezione Civile. Gandolfi ha espresso la «vicinanza da parte di tutta la cittadinanza al Corpo nazionale dei vigili del fuoco in questi giorni di dolore per la scomparsa di alcuni loro colleghi durante l’adempimento del loro dovere» e si è detto «orgoglioso di poter avere sul territorio un distaccamento con persone sempre pronte ad intervenire nel caso in cui la popolazione abbia bisogno». «Una vita non è tanto grande quanto la sua lunghezza, ma è grande per quel che si fa nella sua durata, e questi vigili del fuoco nella loro breve vita hanno compiuto la più nobile delle virtù: prestavano aiuto a chi ne chiedeva – ha detto Rino Russotto a nome dei carabinieri in congedo -. Onore e gratitudine infinita ad Antonino, Marco, Matteo, e a voi tutti che continuate questa missione, nonostante tutto. Sono morti tre uomini per la stessa vita che ho sognato io e che spero in tanti possano realizzare. Vigili del fuoco, vi vogliamo bene».

Vigili del fuoco morti, la svolta nelle indagini: il proprietario della cascina ha confessato. «L'ho fatto per i soldi dell'assicurazione»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento