FiorenzuolaToday

«Un'aggressione va affrontata anche psicologicamente». Così le donne impareranno a difendersi

Al via un corso di otto lezioni aperto a tutte le donne dai 14 anni in su. Inizierà giovedì 24 gennaio alle 20.30 nella palestra del campo sportivo Comunale

Non verrà solo insegnato come reagire fisicamente a un’aggressione ma si imparerà ad affrontarla anche psicologicamente. Perché «siamo fatti di un corpo e una mente che racchiude emozioni, spesso portatrici di un blocco o difficoltà a non reagire». È per questo che ci saranno anche tre psicologhe – Giorgia Concari, Elena Miboli e Marica Corvetti (associazione Psiky) – durante le otto lezioni del corso di difesa personale psicologica femminile a Fiorenzuola, aperto a tutte le donne dai 14 anni in su. Inizierà giovedì 24 gennaio alle 20.30 nella palestra del campo sportivo Comunale.

Ogni lezione sarà costituito da una parte teorica condotta dalle psicologhe, da Ilaria Egeste (Telefono Rosa) e dall’avvocato Eufrasia Grazia Longo; e da una parte pratica proposta dall’istruttore di Qwan Ki Do Davide Materassi, tra l’altro esperto di difesa personale.

Il corso, gratuito e giunto alla terza edizione, è stato presentato dalla vicesindaco Paola Pizzelli e dall’assessore alle Pari Opportunità Lorenza Rossi. «È un percorso di riscoperta delle proprie risorse – ha introdotto Pizzelli - basato sulla crescita della propria autostima. Crediamo che ogni persona debba essere in grado di farsi carico della propria incolumità e di quella di chi si trova al suo fianco. Non si vuole insegnare una risposta violenta ma la capacità di scegliere la risposta migliore». «Abbiamo pensato di proporre meno lezioni ma molto più concentrate rispetto agli scorsi anni, per consentire alle donne di poter partecipare a tutte le otto serate. Anche l’orario (20.30) è piuttosto agevole anche per le giovanissime (possono partecipare anche le ragazze a partire dai 14 anni nda) che il giorno dopo devono andare a scuola». Per iscriversi è possibile contattare il Comune di Fiorenzuola: 0523 98 93 23 (dalle 9 alle 12 dal lunedì al venerdì).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Insegneremo alle donne ad essere più consapevoli di ciò che le circonda dal momento in cui si esce di casa, dei pericoli che potrebbero esserci, ad essere più sicure di se stesse» - ha spiegato l’istruttore. «Chi viene al corso è perché ha subito o ha paura di subire violenza – ha detto Egeste -. Nel 2018 fino a ottobre si sono rivolte a Telefono Rosa Piacenza 302 donne, 245 delle quali sono state coinvolte in episodi di violenza. Il corso è un enorme porta per riconoscere queste situazioni che spesso, per paura, non emergono e quindi l’aiuto e il supporto arrivano in ritardo». L’avvocato Longo siederà “in cattedra” alle lezioni teoriche per portare a conoscenza delle partecipanti cosa la Legge mette a disposizione e cosa si può fare per la prevenzione del femminicidio. Le psicologhe Concari, Miboli e Corvetti cereranno di soffermarsi «su diversi aspetti quali i differenti tipi di aggressione, ma non tralasciando la consapevolezza delle proprie abilità e dei punti di debolezza e di forza, cercando di potenziarli». «Nella difesa personale – hanno concluso -la tecnica può essere inutile senza un training psicologico perché lo stato emotivo di un’aggressione o una minaccia che arriva in un momento qualunque della giornata può portare al blocco e al non sapere come reagire. Ciò che è importante è imparare ad adattarsi al contesto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Travolto da un'auto lungo la Statale, è grave

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Bonus Covid da 600 euro ai parlamentari, la Lega sospende il deputato piacentino Elena Murelli

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento