FiorenzuolaToday

Riapertura scuole, per le elementari quattro aule nell'ex Liceo

Al via i lavori per 70mila euro, coperti dal Miur, per adeguare il primo piano della palazzina di piazzale Taverna. Il sindaco: «Più sensato riaprirle dopo il referendum per non vedere vanificato il lavoro di sistemazione e sanificazione»

L'ex Liceo di piazzale Taverna

Per consentire la ripresa delle lezioni scolastiche, a Fiorenzuola il Comune metterà a disposizione la palazzina dell’ex Liceo di piazzale Taverna. Con i fondi ministeriali del “Programma Operativo Nazionale PON” pari a 70mila euro per il capoluogo della Valdarda, verranno riadeguate quattro aule a disposizione delle classi elementari dell’Istituto Comprensivo. «L’ex Liceo dovrà assolvere la funzione di “scuola pubblica” e il Comune, grazie ai fondi del Ministero dell’Istruzione, si impegna con le proprie forze a non lasciare indietro nessuno: l’apertura della scuola è una priorità» - dice l’assessore ai Lavori Pubblici, Massimiliano Morganti.

Il cantiere è partito in questi giorni e si concluderà proprio con l’inizio delle lezioni. I lavori riguarderanno la sistemazione degli interni e in particolare l’adeguamento di quattro aule (impianto elettrico, pavimenti, serramenti, controsoffitto, tinteggiatura) e i servizi igienici per renderli idonei ad accogliere studenti e i loro insegnanti. «L’obiettivo è non lasciare indietro nessuno», aggiunge il sindaco Romeo Gandolfi spiegando che anche le scuole medie di via San Bernardo da Chiaravalle, a settembre riapriranno con alcune novità. «Si interverrà sulle facciate, i cornicioni, le scale e saranno realizzati due nuovi ingressi laterali. Qui le classi troveranno spazio nei laboratori sotterranei che verranno riadeguati. Uno di questi ospita una tomba romana risalente al secondo o terzo secolo e che il primo cittadino ha deciso di trasferire in Municipio dove verrà esposta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il sindaco non si è detto d’accordo con la riapertura il 14 settembre, «per poi doverle chiuderle solo qualche giorno dopo per l’allestimento dei seggi elettorali per il referendum». «Mi sono fatto promotore della richiesta alla Presidenza della Provincia - conclude Gandolfi - di posticipare l’avvio delle lezioni al 23 settembre. In questo modo non si vedrebbe vanificato il lavoro di sistemazione e sanificazione delle aule e si avrebbero alcuni giorni in più per monitorare l’andamento del Coronavirus».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento